Paura di volare: situazioni, cause e terapia

Paura di volare paura di volare dr. stefano di carlo

La paura di volare (aerofobia) è un disturbo d’ansia che si manifesta anche al sol pensiero di poter viaggiare in aereo e che si basa sul timore irrazionale nei riguardi di tale mezzo di trasporto. Tale disturbo va dal semplice dire “non mi piace prendere l’aereo” all’evitamento sistematico di esso, come forma di vera e propria fobia specifica. Tale disturbo è piuttosto esteso e statisticamente colpisce prevalentemente le donne, mentre risulta irrilevante la classe sociale o il livello d’istruzione. Nella paura di volare c’è l’idea che si possa morire per la caduta delll’aviogetto, anche se esso statisticamente è più sicuro di un viaggio in macchina o che si possa rimanere incastrato e per nulla liberi di muoversi a proprio agio, specie durante i viaggi transoceanici.  
La paura di volare è talmente generalizzata tra la gente che le compagnie aeree organizzano dei corsi di gestione della fobia degli aerei; corsi che riescono a riempire le sale della formazione. Gli studi statistici parlano di una popolazione che si aggira tra 8 e l’11%. Alcuni provano il picco d’ansia durante l’attesa dell’imbarco; altri nella  ristrettezza degli spazi interni; altri trascorrono l’intero viaggio a decifrare rumori strani, a perlustrare altezza e oscillazione del veicolo; altri hanno paura che l’aereo possa precipitare e provocare una sicura morte. Da qualche anno si temono, anche, gli attentati da parte di terroristi. 

Le cause della paura di volare  paura di volare dr. stefano di carlo

  • Alcune persone hanno avuto delle esperienze negative in aereo a causa delle turbolenze incontrate in volo e ne sono rimaste talmente impressionate o shockate che non si sognerebbero mai di riprenderlo;
  • Altri soffrono di claustrofobia (paura dei luoghi chiusi) e il pensiero di rimanere chiusi in un mezzo di trasporto procurerebbe loro uno stato d’angoscia di soffocamento insopportabile;
  • Altri soffrono di acrofobia (paura dell’altezza) e il guardare dall’alto provoca loro delle vertigini e senso del vuoto e precipizio; 
  • Altri hanno una struttura di personalità tendente all’ipercontrollo, e difficilmente accetterebbero una situazione dove non sia loro concesso la gestione totale del viaggio;
  • Altri ancora soffrono di attacchi di panico e un’eventuale crisi all’interno di un  aereo, li metterebbe alla gogna degli sguardi altrui provocandone maggiore sofferenza e vergogna.       

Sintomi della paura di volare

  • tachicardia
  • respiro affannoso
  • senso di costrizione
  • vertigini
  • oppressione toracica
  • tremori
  • sudorazione fredda
  • aumento della iperattenzione dei sensi 

 paura di volare- dr. stefano di carloTipologia della paura di volare

  • Persone che non riescono a prendere l’aereo, o perché l’hanno sempre evitato, o perché le è successo qualche sgradito incidente e da quel momento se lo sono vietato. 
  • Persone che viaggiano solamente se e perché costretti da impegni e lavoro. Ma il loro viaggio è sempre contornato da ansie anticipatorie dei giorni o settimane prima del decollo e da angosce e disturbi somatici durante il tragitto. Affrontano il volo come una condanna a morte!
  • Persone che viaggiano sempre in maniera allertata e sobbalzano a ogni minimo rumore. Non denotano angosce o paure eclatanti, ma  rimangono estremamente vigili e attenti a ogni cosa come a controllare l’ignoto.   

Le persone che hanno la fobia di volare:

  • evitano gli aerei vecchi;
  • si informano anticipatamente del modello del veicolo;
  • evitano le recenti compagnie di volo, perché ne temono l’inesperienza;
  • scelgono i posti nelle vicinanze delle uscite d’emergenza;
  • si preparano ad essere veloci ad estrarre la mascherina dell’ossigeno dall’abitacolo;
  • controllano i rumori dell’aereo come ipotetici indizi di disastri;
  • tentano di controllare respiro e pensieri catastrofici.

Come superare la paura di volare pauran di volare- dr. stefano di carlo

  • Ogni paura si vince passandoci in mezzo;
  • La paura è come un fantasma; se scappi t’insegue, se lo tocchi svanisce!
  • respirando lentamente e profondamente a livello diaframmatico;
  • distogliendo l’attenzione dal proprio corpo e distraendosi nel via vai delle persone;
  • evitando di controllare tutto ciò che la paura ti detta;
  • convincendoti che la paura è dettata da una percezione catastrofica;
  • spezzando il volo in più parti e vivendole intensamente: momento del benvenuto a bordo, del rinfresco, dei pasti, del gratta e vinci, delle istruzioni, della lettura del libro, della visione del film, della pennichella.
  • Utilizzando la fantasia del luogo ideale e del posto sicuro dove rifugiarsi mentalmente per stare bene.
  • Farsi aiutare da uno psicoterapeuta per affrontare e superare la paura di volare, qualora le precedenti strategie non siano state sufficienti.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *